Come aderire

Per aderire al Circolo Fratelli Rosselli di Roma occorre inviare una email all’attenzione del Presidente, che in seguito presenterà la candidatura al Consiglio Direttivo che dovrà deliberare sulla richiesta di adesio. Al momento dell'adesione dovrete riempire un modulo.

 

Scarica la scheda di adesione

 

Gli organi del circolo

Lo statuto

Il pensiero


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 









 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 






Verbale dell'assemblea ordinaria dei soci del 23.04.2018

Il giorno 23 aprile 2018, alle ore 17.00 in seconda convocazione, si è riunito presso la la Fondazione Basso, in via della Dogana Vecchia 5, Roma, l'assemblea dei soci del Circolo di cultura politica Fratelli Rosselli di Roma.
All'ordine del giorno:
1. Relazione del C.D. uscente;
2. Bilanci consuntivi 2016-2017;
3. Indicazioni sulle attività da compiere;
4. Relazione previsionale 2018;
5. Elezione del Consiglio Direttivo e del Collegio dei revisori dei conti per il triennio 2018-2020;
6. Varie ed eventuali.

Risultano presenti all'assemblea i soci: C. Bellone, S. Bianconi, U. De Martino, G. Imbesi, S. La Rocca, B. Palmieri, P. De Rosa, G. Panizzi, R. Strappini, G. Vinay. Alle ore 17,20 entrano V. Macchitella, R. Matteucci.
Hanno comunicato di non poter essere presenti i soci: D. Pacces, P.G. Bellagamba.

I presenti all'unanimità nominano presidente dell'assemblea U. De Martino e segretario R. Strappini.

1. RELAZIONE DEL C.D. USCENTE
Il Presidente legge la relazione sull'attività svolta negli anni precedenti; la relazione viene distribuita ai presenti (allegato 1).

Allegato 1
Relazione del Presidente del Consiglio Direttivo In apertura di riunione il Presidente rileva anzitutto che le ultime Assemblee si sono tenute con notevole ritardo rispetto alla scadenza statutaria dell'aprile dell'anno successivo. E cioè a dicembre 2015 quella del 2014 e ad ottobre 2016 quella del 2015. È invece necessario recuperare la regolarità statutaria, cosa che ci siamo impegnati a fare già da quest'anno.
In questi due anni (2016-2017) sono state programmate e messe a punto numerose iniziative in Italia e all'estero per la celebrazione dell'80° anniversario dell'uccisione dei fratelli Rosselli. L'11 marzo 2016 si è tenuta a Roma una riunione di rappresentanti dei Circoli Rosselli esistenti ed operanti in Italia, proprio al fine di coordinare le varie manifestazioni già programmate o anche soltanto proposte; la riunione ha avuto un ottimo successo per le numerose adesioni e per la ricchezza dello scambio che ne è seguito. C'è da tenere presente che, anche per la sua posizione di centralità, la nostra sede ha dato un notevole contributo organizzativo a tutte le manifestazioni, avvalendosi in particolare dell'opera di Blando Palmieri.
Per quanto riguarda il nostro Circolo, un cenno particolare va dato al successo dell'iniziativa organizzata da Palmieri il 29 maggio 2017 per illustrare. attraverso un convegno presso l'Aula Magna dell'Istituto Superiore Carlo e Nello Rosselli di Aprilia, l'opera politica e intellettuale dei due studiosi. La manifestazione si è svolta alla presenza di studenti, del corpo docente e dell'Assessore all'Istruzione del Comune. I vari interventi sono stati integrati da una mostra appositamente allestita, dalla proiezione di un documentario prodotto da RAI3 e dalla presentazione di un recente volume del Presidente Spini sui fratelli Rosselli. che riassume divulgandola la loro vita e le loro opere.
Questa della diffusione del pensiero Rosselliano (ma non solo loro) presso le scuole con l'allestimento nell'atrio degli Istituti di pannelli divulgativi ed illustrativi dei personaggi ai quali sono dedicate è un'iniziativa alla quale il C.D. uscente ha già cominciato a ragionare specie su impulso di Salvo La Rocca, sperando di avere presto stabili interlocutori politici con i quali poterne discutere ia possibile organizzazione.
Le manifestazioni nazionali per le celebrazioni dell'anno rosselliano si sono poi concluse nel 2017 con la presentazione alla fiera del libro presso la "nuvola" dell'EUR del già citato volume del Presidente Spini sulla storia dei fratelli Rosselli e, il 17 ottobre u.s. a Roma , sempre grazie alla fattiva organizzazione di Palmieri, con un importante convegno e una mostra presso la biblioteca del Senato, alla presenza del Presidente Grasso e con la partecipazione di importanti studiosi. Tra il numeroso pubblico presente va ancora citata una rappresentanza di studenti e docenti dell'Istituto Superiore di Aprilia, con il quale speriamo di rendere più stabili e frequenti i nostri rapporti.
Un altro tema che ha assorbito la nostra attività in questi due anni, specialmente per impulso dell'impegno coordinatore di Giorgio Panizzi, è quello dello studio per lo sviluppo dell'area metropolitana Romana. Il via è stato dato da un Seminario organizzato su questo tema presso la Fondazione Basso il 23 febbraio 2016, che ha avuto un ottimo riscontro. Ne è seguita un'altra il 12-13 maggio 2016 dove, anche con il contributo di altre associazioni, è stato distribuito un "manifesto" riguardante proposte di autonomia amministrativa dei municipi romani. Sempre per quanto riguarda questo argomento Panizzi ha redatto un documento "Per la città metropolitana" distribuito ad Enti e persone ritenute interessate.
Sempre con il coordinamento di Giorgio Panizzi (che tra l'altro il 10 giugno 2017 è intervenuto, in rappresentanza del Circolo alla commemorazione di Giacomo Matteotti nel luogo del suo rapimento) si sono intensificate le riunioni di un gruppo di soci spontaneamente costituitosi per lo studio dell'area metropolitana romana. Tale gruppo si è poi coordinato con altre istituzioni politico-culturali romane che hanno assunto questo tema come obbiettivo principale delle loro ricerche: Agire politicamente, Koirté, Teorema. In particolare i primi convegni svolti su aspetti particolari di questi temi ("Vitalità e nuovi soggetti nell'area metropolitana di Roma") e, più recentemente, il 10 luglio 2017, presso la Facoltà di Economia di Roma3 ("La governance nella città metropolitana di Roma") Tutti questi Seminari hanno riscosso un ottimo successo sono stati raccolti in fascicoli a "stampa" interna con la collaborazione di Panizzi che ne cura anche la diffusione tra le persone interessate. Dopo un certo periodo di stasi dovuto alla pausa elettorale ci auguriamo che gli incontri di studio possano riprendere al più presto con intensità e che l'argomento torni nell'agenda delle forze politiche romane.
Nel congratularmi per i risultati di questo gruppo di lavoro pongo l'attenzione della sua futura attività verso l'esigenza di indagare come potrebbe/dovrebbe cambiare la vita dei cittadini quando ci sarà l'area metropolitana e, quindi, di quale Area Metropolitana abbiamo bisogno.
Concludo indicando due annosi problemi che spero verranno affrontati e portati a soluzione dal prossimo C.D. Il primo riguarda quello della ricerca di disponibilità finanziarie il più possibile stabili, con le quali poter operare. Dopo anni di infruttuose ricerche da parte di Blando Palmieri presso banche e istituzioni locali (in particolare la regione) sembra aprirsi un piccolo spiraglio tra i finanziamenti che il MIBACT eroga annualmente a favore di istituzioni come la nostra per lo svolgimento di particolari attività culturali. Un primo finanziamento è già stato ottenuto quest'anno ma dobbiamo ancora verificarne la spendibilità, cosa che con Palmieri e col Tesoriere stiamo verificando in questi giorni. Un secondo problema riguarda la domiciliazione della nostra sede che a tutt'oggi risulta trovarsi presso il mio studio (che peraltro ho intenzione di chiudere). Sempre tramite l'interessamento di Palmieri ci sarebbe stata assicurata la possibilità di usufruire della prestigiosa "ospitalità" della Fondazione Basso, con un modesto rimborso spese, ancora in trattativa. Questa soluzione, tra l'altro, anche come immagine, ci consentirebbe di svincolarci da localizzazioni "domestiche".
Concludo augurando a tutti voi un futuro di pieno impegno per il sempre maggiore sviluppo del Circolo.


Al termine la relazione viene approvata all'unanimità.

2. BILANCI CONSUNTIVI 2016-2017 CON ALLEGATA RELAZIONE
Il Presidente invita il socio C. Bellone in qualità di tesoriere ad illustrare i bilanci consuntivi evidenziando le criticità. Viene distribuito ai soci presenti il materiale prodotto dal tesoriere Bellone (allegati 2a e 2b). il quale in conclusione della sua relazione, vista l'esigua somma da gestire, invita i soci a porsi il problema di allargare la base associativa il più possibile.

Bilancio al 31 dicembre 2016 (Allegato 2a)

Situazione Patrimoniale

 

CASSA - CONTANTI

C/C POSTALE

Restano dal 2015

 

€ 13,97

 

€ 762,78

 

totale

 

€ 776,75

 

 

 

 

 

 

 

 

entrate

uscite

entrate

uscite

Rendiconto 2016

 

 

 

 

 

quote associative

 

€ 450,00

 

€ 275,00

 

donazione (De Martino)

 

€ 95,00

 

 

 

donazione (Spini)

 

€ 450,00

 

 

 

spostamento da contante a cc

 

 

€ 900,00

€ 900,00

 

spese conto corrente postale

 

 

 

 

€ 81,20

gestione ordinaria e segreteria

 

 

€ 58,37

 

 

spese eventi

 

 

€ 50,00

 

€ 100,00

spesa straordinaria

(pratiche ammmministrative per partecipazione bando III pilastro)

 

 

 

 

€ 933,92

totale entrate/uscite

 

 

 

 

 

 

tot.

€ 995,00

€ 1.008,37

€ 1.175,00

€ 1.115,12

RENDICONTO 31 dicembre 2016

 

-€ 13,37

€ 59,88

 

 

€ 46,51

 

 

 

 

 

SALDO 31 dicembre 2016

 

€ 0,60

€ 822,66

 

 

€ 823,26

 

Bilancio al 31 dicembre 2016

Situazione Patrimoniale

 

CASSA - CONTANTI

C/C POSTALE

Restano dal 2016

 

€ 0,60

 

€ 822,60

 

totale

€ 823,20

 

 

 

 

 

 

 

 

entrate

uscite

entrate

uscite

Rendiconto 2017

 

 

 

 

 

quote associative

 

€ 280,00

 

€ 305,00

 

spese conto corrente postale

 

 

 

 

€ 61,60

gestione ordinaria e segreteria

 

 

€ 231,30

 

 

spese eventi (affitto sala convegno Fondazione Basso)

 

 

€ 150,00

 

 

donazione De Martino

 

€ 101,30

 

 

 

totale entrate/uscite

 

 

 

 

 

 

tot.

€ 381,30

€ 381,30

€ 305,00

€ 61,60

RENDICONTO 31 dicembre 2017

 

€ 0,00

€ 243,40

 

 

€ 243,40

 

 

 

 

 

SALDO 31 dicembre 2017

 

€ 0,60

€ 1.066,00

 

 

€ 1.066,60

A seguito dell'illustrazione da parte del tesoriere l'Assemblea approva all'unanimità i bilanci consuntivi 2016-2017.

3. Indicazioni sulle attività da compiere;
Prende la parola il socio Giorgio Panizzi che, ricordando i temi presentati nella relazione del presidente, fa presente che sarà compito del nuovo direttivo indicare un nuovo programma. A tal proposito da lettura di un documento concordato con altri soci che viene distribuito ai presenti (allegato 3).

Allegato 3
“Un ruolo per il CFR di Roma
Il CFR-Circolo Fratelli Rosselli di Roma - riunito in Assemblea il 23 aprile 2018 per il rinnovo degli organi sociali - ribadisce la volontà e l’impegno di approfondire lo studio delle istituzioni, delle strutture e dei comportamenti sociali e politici della società in cui operano per poter agire e ribadire in questi i principi ed i valori di giustizia e libertà che hanno segnato la vita, il pensiero, l’azione e il sacrificio di Carlo e Nello Rosselli.
Il CFR di Roma ha realizzato negli ultimi anni significative manifestazioni attualizzando in queste i principi ispiratori.
Oggi l’intensificazione e lo sviluppo di queste attività, così come la valutazione critica della loro efficacia si impongono in presenza di governi e di culture caratterizzati e permeati da riflussi autoritari, oligarchici, populisti, sovranisti, giustizialisti, nazionalisti e autarchici, ancorché legittimati dal suffragio popolare.
Questa situazione non riguarda solo l’Italia ma gran parte dei paesi dell’Unione Europea.
I tentativi per contrastarla con riforme costituzionali e con esperienze di buon governo sono falliti anche per la divisione delle sinistre ma, soprattutto, per una incapacità delle sinistre di sviluppare le proprie capacità interpretative e individuare politiche e criteri di azione in una società che è cambiata; insieme a questa, sembrano essersi modificati quei valori di uguaglianza e solidarietà che avevano caratterizzato il pensiero dei fratelli Rosselli e lo spirito che aveva animato la Costituzione repubblicana e lo stesso avvio dell’esperienza di collaborazione europea.
Entrano in crisi, in primis i criteri di rappresentanza che caratterizzano la vita democratica e con essi l’idea e la costruzione di un’Europa unita in cui maggiormente oggi può essere riposta fiducia per la pace e per il progressivo superamento delle diseguaglianze.
Assumono valori taumaturgici criteri di giudizio derivanti da condizioni di vita in cui l’individuo manifesta i suoi comportamenti solitari, apparentemente uniformati e omologati a quelli di una moltitudine solitaria.
In questa situazione entrano in crisi anche i partiti tradizionali, non solo quelli che intendono contrastarla.
Entra in crisi una cultura della partecipazione che rende precaria la sopravvivenza di regole e consuetudini di convivenza. Non si tratta solo di logici salti di generazione bensì di visioni della realtà e necessità di adeguamenti che richiedono particolari impegni per sopravvivere e riprendere senso e valore in una condizione generale di incertezza.
Vengono gabellate per democrazia diretta investiture oligarchiche, sia che provengano da manifestazioni corali e demagogiche, sia che scaturiscano dall’uso di tecnologie avanzate che, paradossalmente, rischiano di tradurre la democrazia in oligarchia.
In queste condizioni appare necessaria un'intensa azione del CFR volta a rafforzare e sviluppare la qualità della nostra democrazia e la costruzione europea, assunta come garanzia per lo sviluppo della partecipazione della democrazia italiana e del suo sviluppo economico e sociale; a stabilire alleanze e forme di cooperazione a partire da tutti i circoli di cultura politica che si richiamano ai valori della sinistra socialista, riformista, liberale e libertaria e di altri organismi democratici e libertari, per costituire una “massa critica” capace di rendere visibili le loro iniziative, di attrarre nove energie e nuove idee e di essere validi interlocutori impegnati nel rinnovamento democratico della politica.
In questo quadro di obiettivi politici e di azione organizzativa può prospettarsi - anche in concorso e in associazione con altri circoli ed organismi democratici e libertari - , un’azione politica efficace capace di sviluppare e valorizzare, con l’utilizzo di nuove tecnologie, programmi e progetti di tutti che rafforzino ed attualizzino, se necessario, l’azione svolta, per affermare le caratteristiche di una società democratica moderna e contemporanea che, pur richiedendo nuovi criteri di uguaglianza e solidarietà, siano in grado di fornire un contributo alla realizzazione di quella società libera e democratica in Italia ed in Europa, che, nelle aspirazioni di tutti noi, rimane alla base dell’esperienza politica e culturale originata dall’impegno dei fratelli Rosselli e dal loro sacrificio.
Un tale impegno permetterebbe ai circoli di cultura politica ed agli altri organismi democratici di accrescere gestire in modo nuovo, nel nuovo contesto politico sopra descritto, il loro ruolo e, quindi di poter promuovere un nuovo rapporto con la politica, per il suo rinnovamento democratico.
Il CFR impegna pertanto i nuovi organi statutari a programmare e progettare azioni politiche che concorrano alla realizzazione di questi obiettivi.”

________________________________________________________________________________________ NOTE
Quaderno 1-2/2014, “Roma, lavorare per il cambiamento”;
I Seminari: "La Smart City e le nuove sfide della democrazia”; 9 Aprile 2012, Fondazione Basso12 aprile 2013 Università Valdese di Teologia
“Quale Città, Quale Governo-Governance e democrazia nel futuro di Roma Capitale”; 24 aprile 2013
"Quale turismo, quale città"; 23 febbraio 2016 Fondazione Basso
“Roma nella Città Metropolitana: le nuove sfide della democrazia”;
Vitalità e nuovi soggetti nell’Area Metropolitana di Roma; 27 marzo, 3 aprile 2017, insieme a Agire politicamente, Koinè, Teorema; Via del Gesù 52
La governance nella Città Metropolitana di Roma; 10 luglio 2017, , insieme a Agire politicamente, Koinè, Teorema; Facoltà di economia Università Roma Tre
La celebrazione dei Fratelli Rosselli nell’Istituto onnicomprensivo Fratelli Rosselli di Aprilia (LT).
L’incontro sull’attualità di Rosselli svolto a La Nuvola il 6 dicembre 2017
N.B. L’elenco precedente è incompleto nel numero delle manifestazioni e nelle informazioni cronologiche e logistiche.”

Prendono la parola i soci B. Palmieri, G. Imbesi, S. La Rocca, R. Matteucci, G. Panizzi e, alla conclusione di un interessante dibattito, l’assemblea auspica che il documento, condiviso dai presenti, possa costituire la base per il lavoro del nuovo direttivo che ne deciderà tempi e modi di diffusione prima fra gli altri circoli Rosselli e in un secondo momento con le altre associazioni culturali, politiche, sociali.
Il documento è approvato all'unanimità.

4. RELAZIONE PREVISIONALE 2018
Prende la parola il Tesoriere C. Bellone che distribuisce ed illustra la seguente relazione previsionale per l’esercizio 2018 con relativo conto economico.
“Il bilancio preventivo che si sottopone all’approvazione dell’Assemblea dei soci è, come tutti gli anni, un “bilancio-obiettivo”. Il Circolo Fratelli Rosselli, per avere una buona visibilità all’esterno, non può non prevedere l’attuazione di almeno tre manifestazioni durante l’anno: di cui una medio grande, le altre due di tipo leggero (seminari ecc). Per tali manifestazioni è ipotizzabile un preventivo complessivo di €2.000,00 (per la stampa degli inviti, per l’invio degli stessi, affitto sala e per eventuali altre spese di organizzazione).
A ciò si devono aggiungere le spese di gestione (comprese le spese di conto corrente), previste in € 500,00. Complessivamente le uscite previste assommano a € 2.500,00.
Per coprire tale spesa è necessario che ci sia un numero maggiore di soci paganti condizione minima perché il Circolo possa svolgere attività concreta e visibile.

Conto Economico Previsionale per l'esecizio 2018

COSTI

 

 

 

 

 

 

 

entrate

uscite

Spese di gestione 

 

 

 

 

Conto corrente 

 

 

 

 

(€ 5 al mese + € 0,20 x 40 operazioni+ tasse)

 

 

 

€ 100,00

Spese di segreteria

 

 

 

 

(cancelleria, corrispondenza con i soci, ecc)

 

 

 

€ 400,00

Spese per attività culturali

 

 

 

 

Attività di tipo A

 

 

 

€ 800,00

Attività di tipo B

 

 

 

€ 600,00

Attività di tipo B

 

 

 

€ 600,00

 

subtotale

 

 

€ 2.500,00

RICAVI

 

 

 

 

 

 

 

entrate

uscite

Quote soci necessarie 

 

 

€ 2.500,00

€ 2.500,00

 

Saldo a preventivo

 

 €                                       -   

 5. ELEZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI PER IL TRIENNIO 2018-2020.
Il Presidente De Martino ricorda che per statuto i membri del C.D. possono essere minimo 9 e massimo 25 (attualmente sono 9 i componenti uscenti) e che l'elezione può avvenire a scrutinio segreto o in modo palese.
L'Assemblea dei soci decide di eleggere i componenti del nuovo direttivo in modo palese e di portare il loro numero a 11; si conferma il direttivo uscente con l'integrazione dei soci Renato Matteucci e Roberta Strappini.
Il nuovo C.D. per il triennio 2018-2020 risulta pertanto composto dai soci: C. Bellone, S. Bianconi, U. De Martino, G. Imbesi, S. La Rocca, V. Macchitella, R. Matteucci, V. Ochetto, B. Palmieri, G. Panizzi, R. Strappini.

Per quanto riguarda il collegio dei revisori dei conti vengono proposti i soci: Abel Ruben Bianchi, Paolo De Rosa e Massimo Pazienti come membri effettivi; Donata Pacces e Arnaldo Visco Gilardi come membri supplenti.
L'Assemblea approva all'unanimità.

Il nuovo direttivo si convoca per lunedì 7 maggio alle ore 17.00, presso la Fondazione Basso, con all'ordine del giorno:
1. Elezione del Presidente, Vicepresidente e Tesoriere.
2. Discussione sui programmi di attività futura del circolo.
L'Assemblea si scioglie alle ore 18.40.

Tesseramento anno 2018

Cari amici, anche quest’anno abbiamo programmato ed è già in corso una importante serie di iniziative.
Prosegue l’attività della commissione di studio sulla Città Metropolitana di Roma, coordinata da Giorgio Panizzi, che ha già prodotto un significativo momento di incontro e di scambio di opinioni il 23 febbraio u.s. nel corso di un affollato seminario tenutosi presso la Fondazione Basso. Su questo tema dopo la pausa elettorale sono ripresi i lavori di approfondimento e ricerca. Chi pensa di poter contribuire con le proprie idee è invitato a prendere contatti con Panizzi (tel. 338-4937995, panizzi@tin.it).
In vista dell’80° anniversario dell’uccisione dei Fratelli Rosselli sono in fase di preparazione numerose iniziative in Italia e in Francia, a cura di un comitato organizzatore-coordinato dal Presidente Valdo Spini e composto dai rappresentanti dei Circoli Rosselli che operano in Italia-che ha tenuto a Roma una prima e partecipata riunione nel marzo ultimo scorso. Vi terremo informati dei successivi dettagli del calendario organizzativo ma, se come spero siete interessati a collaborare, potete prendere contatti fin da ora con Blando Palmieri (tel. 331-5661557, palmieri@webconference.it).
Tutto questo richiede da parte del Consiglio Direttivo un notevole sforzo, organizzativo e finanziario al quale vi chiediamo sostegno e partecipazione. Anzitutto affrettandovi a corrispondere (per chi non l’abbia già fatto) la quote associative 2016 che, malgrado tutte le nostre necessità, abbiamo deciso di lasciare inalterate (€ 25,00 per i soci aderenti ed € 50,00 per i sostenitori) pur augurandoci ulteriori e volontarie liberalità.
Il pagamento può avvenire tramite c/c postale n. 33625039 intestato a “Circolo di cultura politica
Fratelli Rosselli”.

Comunicati

Il 23 agosto 2016 è purtroppo deceduto Mario Sanfilippo, socio fondatore del Circolo fin dal suo atto costitutivo
(11 settembre 2000).
Insigne storico, docente di "Storia degli insediamenti" presso l'Università di Trieste (Facoltà di Lettere, Corso di laurea in Storia) Sanfilippo ha pubblicato numerosi contributi originali in libri e riviste specializzate, sempre spaziando su temi di storia urbana.
In particolare Sanfilippo ha concentrato i suoi studi sulla storia urbanistica di Roma collaborando costantemente con "Il Messaggero" e con la cronaca romana de "Il Corriere della Sera" ma, soprattutto, pubblicando la fondamentale opera "Le tre città di Roma. Lo sviluppo urbano dalle origini ad oggi", Laterza, Roma, 1993.
Il contributo culturale di Sanfilippo e la sua vena ironica ci mancheranno moltissimo.

Umberto De Martino, presidente del Circolo Fratelli Rossetti di Roma